BOOK CLUB-TUTTO PUO' SUCCEDERE

TRAMA BOOK CLUB – TUTTO PUÒ SUCCEDERE:

Book Club, il film diretto da Bill Holderman. racconta la storia di Carol (Mary Steenburgen), Diane (Diane Keaton), Vivian (Jane Fonda), Sharon (Candice Bergen), quattro donne alle prese con gli eterni problemi sentimentali. La loro vita scorre piuttosto noiosa fino a quando la lettura di Cinquanta Sfumature di Grigio la cambierà irrimediabilmente. Ispirandosi allo scandaloso romanzo, vivranno nuovi amori, vecchi ritorni di fiamma, situazioni esilaranti e sconvenienti… Saranno finalmente pronte a entrare nel nuovo capitolo della loro vita?

PANORAMICA SU BOOK CLUB – TUTTO PUÒ SUCCEDERE:

Book Club è il film che segna il debutto registico di Bill Holderman, produttore hollywoodiano di film come Leoni per agnelli, La regola del silenzio e The Old Man & The gun, da anni – insieme alla coautrice Erin Simms – nella casa di produzione di Robert Redford.
Nel cast ci sono quattro regine del cinema americano: i tre premi Oscar Jane Fonda, Diane Keaton e Mary Steenburger e la candidata all’Oscar Candice Bergen.
Il personaggio di Diane Keaton è stato scritto appositamente per lei, così come quello di Jane Fonda, che aveva inizialmente rifiutato, finché gli autori non sono riusciti a svilupparlo in maniera più adatta a lei, seguendo i suoi suggerimenti.

Così la sceneggiatrice e produttrice Erin Simms racconta la genesi del film: “Quando è uscita la trilogia di E.L. James. Bill ha deciso di mandarla a sua madre per la festa della mamma, cosa che a me è sembrata una follia. Come poteva avere un legame del genere con sua madre… un legame in cui il sesso è un normale argomento di conversazione?! Ma Bill mi ha detto che sua madre era molto aperta, che era ‘attiva in quel settore’.
Per me era esilarante, quindi per la festa della Mamma ho mandato anch’io la trilogia a mia madre, che ha un carattere opposto rispetto a quella di Bill e l’ha trovata divertentissima. Allora ho deciso di completare l’opera e l’ho mandata alla mia matrigna, che è sposata da tantissimo e ha fin troppa dopamina nel cervello, è sempre felice e pensa che la vita sia meravigliosa. Sono tre donne diversissime. Il giorno dopo mi sono chiesta: ‘E se…’ Adesso Bill dirà: ‘Erin dice sempre che l’idea del film è stata sua.’ Beh, è vero. Il giorno dopo sono andata da lui e gli ho detto: ‘E se facessimo un film su un club di lettura di donne di una certa età che leggono Cinquanta sfumature di grigio?’.”

L’autrice di Cinquanta sfumature di grigio, E. L. James (al secolo Erika Leonard),appare col marito in un cammeo mentre porta a spasso il cane, nella scena in cui Carol (Mary Steenburgen) e Bruce (Craig T. Nelson) litigano di fronte a casa. La scrittrice londinese, criticata e parodiata per la sua opera, con la sua trilogia erotica sadomaso ha venduto oltre 125 milioni di copie in tutto il mondo, mentre i film che ne sono stati tratti hanno incassato l’impressionante totale di 1 miliardo e 320 milioni di dollari, che ne fa il quarto franchise di maggior successo di tutti i tempi, dopo quello di Matrix, Una notte da leoni e Alien. Il successo dei suoi romanzi ha colto di sorpresa la stessa autrice, oltre a renderla immensamente ricca. Quando Book Club è stato scritto, non era ancora uscito un solo film della serie.

Il Book Club è l’equivalente del Gruppo di lettura in Italia, un fenomeno abbastanza recente ma sempre più diffuso nelle grandi e nelle piccole città. Oltre alle comunità di lettori sul web, da Nord a Sud restano le biblioteche e le librerie i luoghi deputati per gli incontri. Esistono quasi 500 book club di questo genere nel nostro paese.

RITICA DI BOOK CLUB – TUTTO PUÒ SUCCEDERE:

Sembrano un po’ le quattro amiche di Sex and the City le protagoniste non giovanissime di Book Club, che però, per rituffarsi nel gioco sei sentimenti e del sesso, hanno bisogno di leggere Cinquanta sfumature di grigio. E somigliano anche ai personaggi di qualche rom com senile di successo. Non per questo non sono magnifiche e originali, e la loro energia dipende certamente dalla verve delle straordinarie attrici che le interpretano. L’esordio nella regia di Bill Holderman è un feel good movie che ci riempie di speranza, ma nello stesso tempo è una riflessione piena di sensibilità sulla vulnerabilità e sulle insicurezze legate all’età. Gli esisti delle love story sono prevedibili, ma si arriva alla fine dopo aver riso di gusto, in modo diverso a seconda delle coppie in ballo.

BOOK CLUB-TUTTO PUO’ SUCCEDERE

About The Author
-